OURE' - NEW SINGLE



Dopo il debutto discografico con Nuota Fuser, uscito lo scorso marzo, Piero Fissore torna con il nuovo singolo Ouré disponibile dal 25 aprile in digital download e streaming su etichetta Show in Action. Il brano è il secondo singolo estratto dal primo album di inediti del cantautore bergamasco, Nomade stanziale, di prossima uscita. Prima le atmosfere latinoamericane di Nuota Fuser, ora, in Ouré, ambienti sonori che evocano l’Africa a fare da preludio ad un album mosaico di temi, suggestioni, storie provenienti da ogni dove. «Alcuni anni fa», spiega Fissore, «ho scritto un libro-intervista che raccoglieva le storie di cinque donne immigrate dai cinque continenti nella provincia di Genova, più precisamente nel Golfo del Tigullio. Una di queste, Marie, era una giovane senegalese che mi raccontò un gioco che faceva da bambina, “Ouré”. Il gioco prevedeva dieci biglie di vetro: una in mano, le altre nove a terra, sulla sabbia del deserto. Si lanciava la prima biglia in aria e, prima di riprenderla, se ne doveva raccogliere un’altra da terra con la stessa mano. Poi si lanciavano le due biglie nella mano e se ne prendeva un’altra da terra e così via, fino ad averle raccolte tutte e dieci. Il tutto a velocità vorticosa e senza mai farsi cadere le biglie di mano. Col tempo, mi è venuta l’idea di usare quel gioco per cantare la sua piccola, grande storia. La sua lotta per non farsi travolgere dal flusso di quella che chiamiamo “grande storia”. La sua volontà di tenersi stretta, oltre ai ricordi, la dignità e la speranza in un domani migliore». Ouré è quindi la sintesi della vicenda di Marie in dieci brevi flash, ognuno dei quali racchiuso in una delle biglie del gioco: “Una per i diavoli dentro la foresta / Una per i nomadi sotto il cielo aperto…” come recita il testo. Fino all’ultima biglia, quella del mistero, del domani, dove Marie non sa se troverà “In fondo al gioco / Un soffio di felicità”. Registrato presso gli studi C-27 di Chiavari e Tabasco di Sori, Ouré è co-prodotto da Fissore e Nicola Sannino, con la collaborazione di Filippo Cuomoulloa. La voce principale dell’interprete si mischia ai cori di Filippo ed Eugenia Coumoulloa, evocando atmosfere squisitamente afro che si mescolano al suono di basso, chitarre, percussioni, organo e marimba, in un gioco sonoro in perfetto equilibrio.



« indietro